Forum dei "Monti Ernici"

 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 
www.montiernici.it



30.03.1963: disastro aereo Monte Serra Alta - Sora
Vai a Precedente  1, 2, 3 ... 16, 17, 18, 19  Successivo
 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Forum
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
SABBBRRRY
Amico della Montagna
Amico della Montagna


Registrato: 27/01/17 14:44
Messaggi: 20

MessaggioInviato: Dom Apr 30, 2017 9:35 pm    Oggetto: scuse Condividi su Facebook Rispondi citando

Buonasera Francesco
Ho riletto tutti i miei interventi
Hai ragione: in alcuni tratti sono stata eccessiva...e chiedo scusa!
Se anche tu, Francesco, avessi la possibilità di leggere il fascicolo dell'inchiesta del '63, capiresti perché insisto nello scrivere che se fossero state semplicemente trascritte due (e solo DUE) notizie che riguardano il pilota...quel libro sulla verità sul disastro di Serra Alta non aveva motivo di essere scritto! E non mi riferisco a cose tecniche..ma a cose personali...che riguardano il pilota!
Mi spiace solo che è stata tirata in ballo la mia vita privata...sbeffeggiando il fatto che non ho una famiglia..una casa..e una posizione... E che solo grazie aiuto dei miei genitori che non mi ritrovo sotto un ponte.. X fortuna sono ancora viva...
Sabrina!
Top
Profilo Invia messaggio privato  
Torodisora
Amico della Montagna
Amico della Montagna


Registrato: 07/04/17 13:24
Messaggi: 19

MessaggioInviato: Mar Mag 02, 2017 11:40 am    Oggetto: Condividi su Facebook Rispondi citando

MARCO MONTI ha scritto:
ciao luca prima di tutto complimenti!! finalmente posso confrontarmi con qualcuno che capisce di volo e non con degli ignoranti che senza sapere parlano a sproposito.
quello che dici sull'altimetro e' verissimo ma bisogna aggiungere come dici tu che un altimetro come scritto nel mio libro viene tarato con un atmosfera "tipo" insomma roba quasi da laboratorio perche' quelle condizioni non le ritrovi mai durante il volo. so benissimo che ogni aeroporto ha il suo valore QNH da inserire come scritto nel mio libro pioiche' si trovano a vari altitudini rispetto al livello del mare. Venendo a noi il QNH standard inserito nell'altimetro ritrovato dimostra e non sono ipotesi che l'aereo non voleva atterrare a Sora come sostenuto ancora oggi da qualcuno , infatti dopo che in un primo momento aveva scambiato le luci, si rende conto di non essere a Ciampino perche' qualora avesse voluto atterrare avrebbe dovuto inserire il valore QNH di ciampino come dici tu. Poi la quota del relitto da me misurata e' sempre rispetto al livello del mare quindi quelle quote di differenze io le trovo esatte.
per quanto riguarda il carburante puoi leggere il quantitativo nel piano di volo. tieni presente che l'aereo era partito da roma per ancona falconara pescara , per poi rientrare e qualora il volo fosse andato bene aveva carburante per altre 2 ore di volo. Inoltre se ti fai i conti sul percorso in aria statica vedrai che l'aereo si sarebbe trovato proprio dove il C.te pensava di essere.
comunque alla fine di tutto io mi sono impegnato al massimo per fare queste ricerche e confido anche nelle persone che mi hanno aiutato in quanto sono PILOTI!!!
grazie ancora e qualora volessimo incontrarci ne sarei molto felice!


marco tu confondi la taratura dello strumento con il settaggio dello strumento. La prima è come è costruito, la seconda è come viene utilizzato. I piloti sono tutti a conoscenza della taratura standard dello strumento e tutti volavano e volano con un altimentro tarato in aria standard. Non è quello dell itavia 703 un caso particolare. Questa differenza porterebbe un errore di QUALCHE piede ma non di centinaia di piedi. I piloti compensano prima del volo questa differenza.
Io ti parlo di regolaggio ( settaggio) altimetrico che deve essere utilizzato l altimetro.
A pg 48 riporti quante volte un pilota varia il QNH durante il volo. Quella da te scritta è un approssimazione impropria che io pensavo tu avessi scritto per semplificare ma poi quando mi dici che a 6000 piedi ( ripeto piedi e non livello di volo) l aereo non voleva atterrare perché aveva settato il qnh di 1013questo è un non senso che deriva dalla semplificazione fatta a pg 48. In realtà il pilota cambia il qnh locale in 1013 attraversando l altitudine di transizione in salita e ricambiando con il qnh locale quando in discesa attraversano il livello di transizione. La tua affermazione dimostra solo un altro errore fatto dal pilota che volava sul altitudine di transizione con un qnh di 1013 invece di 1002. Ovviamente non penso che volesse atterrare sulle strade di sora ma lui era sceso perché in quella situazione si è aggrappato all unica speranza che aveva e cioè il contatto visivo con il suolo per determinare la sua posizione. Il fatto che non voleva atterrare non lo dimostri con il fatto che aveva settato sull altimetro 1013 di qnh.
Questo che ti sto dicendo non è un mio pensiero ma è il modo in cui si volava e si vola. Io ti ho dato il suggerimento di informarti sul regolaggio altimetrico ma non lo hai fatto. Ti do anche il riferimento normativo ufficiale che è l AIP italia ( aeronautical information publication) il capitolo ENR 1.7. Fai particolare attenzione al sotto paragrafo 1.2 (decollo e salita ) e al 1.4 ( avvicinamento e atterraggio). Ti daranno quello cche sto cercando di spiegare. Potrai leggere anche l atitudine di transizione di ciampino ( 6000).Da questo capirai anche che l aereo prima dello schianto volava a 5700 piedi sul livello del mare ( 6000 rispetto all isobara 1013).
Io ti vorrei far capire che il responsabile di quello che c è sul libro sei tu e non le persone che ti hanno aiutato. Tu hai fiducia ma hai le competenze tecniche per discriminare se quello che hai scritto è vero o no? Cioè se loro ti hanno fatto scrivere una cosa sbagliata tu sapresti riconoscerla? Non ti sto chiedendo di credermi ciecamente ma ti sto cercando di fornirti gli spunti normativi perché sia tu ad avere la consapevolezza di cosa scrivi.
Inoltre ho dato un occhiata alla tua bibliografia...non c è un riferimento che sia uno ad una fonte ufficiale oltre quello dell inchiesta. Un libro sulla meteorologia passabile ma datato 1955 e poi tanta wikipedia. Mai un sito Enac, Enav, ICAO, Eurocontroll, mai un manuale operativo, l AIP italia (che è la normativa ENAC che leggifera in materia di aviazione civile) ecc. Solo fonti non attendibili. Il mio relatore di tesi mi vietò di riportare wikipedia come fonte in quanto non attendibile al livello accademico. E tu l hai usata come fonte principale.
Top
Profilo Invia messaggio privato  
Torodisora
Amico della Montagna
Amico della Montagna


Registrato: 07/04/17 13:24
Messaggi: 19

MessaggioInviato: Mar Mag 02, 2017 12:50 pm    Oggetto: Condividi su Facebook Rispondi citando

P.s. Perché nelle comunicazioni ufficiali i piloti e controllori parlano di livello 100 e mai di 10000 piedi come tu fai nel libro? Perché parlano di 6000 piedi e non livello 60?

P.p.s.suggerimento: forse perché non sono la stessa cosa?
Top
Profilo Invia messaggio privato  
MARCO MONTI
Amico della Montagna
Amico della Montagna


Registrato: 30/10/16 17:33
Messaggi: 28

MessaggioInviato: Mar Mag 02, 2017 2:08 pm    Oggetto: Condividi su Facebook Rispondi citando

Buongiorno Luca io come scritto nella introduzione di volo non ne sapevo niente. Le cose che ora so le ho apprese dal C.te pilota D Agostino che ha curato la parte tecnica. Adesso stampo quello che hai scritto e glielo faccio leggere. Poi ti faccio avere una risposta. Più di così non posso fare. Una cosa è certa io mi sono fidato di lui e deglinaltri piloti che ti ho citato. A presto.
_________________
MARCO MONTI
Top
Profilo Invia messaggio privato   AIM
giampi78
Amico della Montagna
Amico della Montagna


Registrato: 27/01/17 15:54
Messaggi: 16
Residenza: BROCCOSTELLA

MessaggioInviato: Mar Mag 02, 2017 3:19 pm    Oggetto: Incidente Serra Alta Condividi su Facebook Rispondi citando

Buonasera, Torodisora,

Hai esposto un concetto, in merito al settagio altimentrico, che per me, povero ignorante in materia, risulta un pò oscuro.....

Ho capito che va regolato al decollo e poi all'atterraggio, considerando i luoghi di partenza e poi di arrivo. Ma tu parli anche di regolazione in viaggio, puoi spiegarmi, magari con un esempio da 1° elementare come avviene la faccenda?

E poi ti chiedo anche: in cabina il comandante non era solo, può essere che entrambe fossero entrati "nel pallone" e che abbiano sottovalutato anche piccoli aspetti (importanti) come questo?

Grazie in anticipo.
Gianpiero
Top
Profilo Invia messaggio privato  
Torodisora
Amico della Montagna
Amico della Montagna


Registrato: 07/04/17 13:24
Messaggi: 19

MessaggioInviato: Mar Mag 02, 2017 5:24 pm    Oggetto: Re: Incidente Serra Alta Condividi su Facebook Rispondi citando

giampi78 ha scritto:
Buonasera, Torodisora,

Hai esposto un concetto, in merito al settagio altimentrico, che per me, povero ignorante in materia, risulta un pò oscuro.....

Ho capito che va regolato al decollo e poi all'atterraggio, considerando i luoghi di partenza e poi di arrivo. Ma tu parli anche di regolazione in viaggio, puoi spiegarmi, magari con un esempio da 1° elementare come avviene la faccenda?

E poi ti chiedo anche: in cabina il comandante non era solo, può essere che entrambe fossero entrati "nel pallone" e che abbiano sottovalutato anche piccoli aspetti (importanti) come questo?

Grazie in anticipo.
Gianpiero


Ciao Gianpiero
Ti faccio l'esempio proprio di un decollo da pescara a ciampino con un valore di pressione (QNH) riferito alla superficie del mare di 1001 a pescara e 1002 a ciampino. Il volo decolla impostando sull altimetro il QNH 1001. Lo mantiene fino ad attraversare l altitudine di transizione di pescara che è 5000 piedi. Passando i 5000 piedi il pilota cambia il valore di pressione in 1013 passando al sistema di livelli di volo. Quando scende attraversando il livello di transizione (il livello cambia a seconda della pressione presente) cambia il QNH in quello della zona in cui si trova. Se scende nella zona di ciampino (QNH 1002) attraversando il livello 75 cambia il valore di pressione con 1002 e continua il volo per altitudini fino all atterraggio.
Altro esempio sempre con i stessi valori. Se il pilota decidesse di sviluppare tutto il volo a 5000 piedi (se l'orografia lo permetterebbe) il pilota imposterebbe 1001 al decollo lo manterrebbe fino ad entrare nella zona di ciampino cambiandolo poi in 1002. In questo caso non passerebbe mai l'altitudine di transizione e quindi non passerebbe mai ai livelli di volo e non cambierebbe mai il QHN in 1013.
Altro esempio con valori di QNH di 1013. Il pilota imposterebbe 1013 sull altimetro al decollo e non lo cambierebbe mai fino all'atterraggio sia se passa o no ai livelli di volo.

Spero di averti fatto esempi che si possano capire altrimenti ce ne sono altri Wink Wink Wink

Per la tua seconda domanda la mia risposta è si può essere ma è una mia opinione. La situazione era disperata era piu di 30 minuti che non vedevano nulla, gli strumenti non li aiutavano, il radar non li vedeva, le comunicazioni erano difficoltose, ci sarà stata anche turbolenza e forse pioveva il che non migliora la visibilità. Queste sono le condizioni peggiori per un equipaggio. 30 minuti in quelle condizioni mettono a dura prova anche il più freddo dei piloti. L unico spiraglio che avevano era aver visto le luci di sora (scambiata per roma)e quindi hanno chiesto la discesa proprio per mantenere quel ultimo riferimento. Ci sta che fossero entrambi occupati a guardare di fuori per mantenere viva quella speranza e abbiano tralasciato questo particolare. Inoltre loro pensavano di essere da un altra parte. Se fosse successo vicino a roma anche con il settaggio sbagliato non avrebbero incontrato difficoltà a superare l orografia del terreno.
Top
Profilo Invia messaggio privato  
Torodisora
Amico della Montagna
Amico della Montagna


Registrato: 07/04/17 13:24
Messaggi: 19

MessaggioInviato: Mar Mag 02, 2017 5:30 pm    Oggetto: Condividi su Facebook Rispondi citando

Mi sono dimenticato di dire che l altitudine di transizione di ciampino è 6000 piedi Embarassed

P.S. il settaggio (regolaggio) altimetrico è una delle materie più difficili in aviazione. Non tutti la capiscono alla prima. Per me è il mio pane quotidiano...altrimenti sa quanti incidenti avrei provocato in tutti questi anni.....
Top
Profilo Invia messaggio privato  
Torodisora
Amico della Montagna
Amico della Montagna


Registrato: 07/04/17 13:24
Messaggi: 19

MessaggioInviato: Mar Mag 02, 2017 5:44 pm    Oggetto: Condividi su Facebook Rispondi citando

http://www.ibneditore.it/wp-content/uploads/_mat_online/scienze_nav_rosso_1/ALTIMETRIA%20e%20REGOLAGGIO%20ALTIMETRICO.pdf

Ecco un link che vi spiega il regolaggio altimetrico.

ed ecco in allegato una foto di esempio con QNH inferiore a 1013...



tekanan-dan-altimeter-20-638.jpg
 Description:
 Filesize:  89.38 KB
 Viewed:  3511 Time(s)

tekanan-dan-altimeter-20-638.jpg


Top
Profilo Invia messaggio privato  
Torodisora
Amico della Montagna
Amico della Montagna


Registrato: 07/04/17 13:24
Messaggi: 19

MessaggioInviato: Mar Mag 02, 2017 5:51 pm    Oggetto: Condividi su Facebook Rispondi citando

Questa è meglio


tatl.jpg
 Description:
 Filesize:  27.97 KB
 Viewed:  3509 Time(s)

tatl.jpg


Top
Profilo Invia messaggio privato  
MARCO MONTI
Amico della Montagna
Amico della Montagna


Registrato: 30/10/16 17:33
Messaggi: 28

MessaggioInviato: Mer Mag 03, 2017 8:04 am    Oggetto: Condividi su Facebook Rispondi citando

ciao luca in attesa delle risposte del C.te pilota D'agostino leggendo quello che hai scritto e rileggendo quello che ho scritto io diciamo che il concetto e' lo stesso (leggi la ricostruzione del volo), tranne per questa zona di transizione che effettivamente non conoscevo e non mi hanno spiegato i miei collaboratori tecnici. Pero' se non sbaglio il grafico che hai mostrato per ultimo indica perfettamente la zona di transizione ovvero dove in volo si deve cambiare il valore del QNH. Io leggo dal grafico che questa operazione si deve fare al Livello 50 (flight level) ovvero 5000 piedi. Interpretando sempre quel grafico I 2 piloti (bravo Gianpiero ,sei uno dei pochi che lo sottolinea, mentre molti pensano che tutto dipendeva dal C.te Roggero) essendo invece al livello FL 60 avevano l'altimetro regolato giustamente sul valore standard di 1013,2 millibar.
A me sembra tutto ok e faccio fatica anche io a credere che 2 piloti commettano lo stesso errore.
Comunque grazie luca per queste discussioni.
attendo tue risposte.

_________________
MARCO MONTI
Top
Profilo Invia messaggio privato   AIM
Torodisora
Amico della Montagna
Amico della Montagna


Registrato: 07/04/17 13:24
Messaggi: 19

MessaggioInviato: Mer Mag 03, 2017 10:01 am    Oggetto: Condividi su Facebook Rispondi citando

MARCO MONTI ha scritto:
ciao luca in attesa delle risposte del C.te pilota D'agostino leggendo quello che hai scritto e rileggendo quello che ho scritto io diciamo che il concetto e' lo stesso (leggi la ricostruzione del volo), tranne per questa zona di transizione che effettivamente non conoscevo e non mi hanno spiegato i miei collaboratori tecnici. Pero' se non sbaglio il grafico che hai mostrato per ultimo indica perfettamente la zona di transizione ovvero dove in volo si deve cambiare il valore del QNH. Io leggo dal grafico che questa operazione si deve fare al Livello 50 (flight level) ovvero 5000 piedi. Interpretando sempre quel grafico I 2 piloti (bravo Gianpiero ,sei uno dei pochi che lo sottolinea, mentre molti pensano che tutto dipendeva dal C.te Roggero) essendo invece al livello FL 60 avevano l'altimetro regolato giustamente sul valore standard di 1013,2 millibar.
A me sembra tutto ok e faccio fatica anche io a credere che 2 piloti commettano lo stesso errore.
Comunque grazie luca per queste discussioni.
attendo tue risposte.


Quello postato è un esempio. L'altitudine di transizione è fissa per ogni aeroporto ma non la stessa. A pescara è 5000 piedi e il livello 60 se il QHN è maggiore di 1013, livello 65 se il QNH è compreso tra 997 e 1013 ( mi pare ma non sono sicuro, basta leggere le tabelle dell AIP Italia ENR 1.7) livello 70 se il QNH è tra 977 e 997 ecc.
A ciampino l'altitudine di transizione è 6000 piedi e il livello è 70 se il QNH è superiore a 1013 ecc. Al momento dell'incidente il livello di transizione era 75 e l 'altitudine era 6000 (quella ovviamente fissa).
Cmq continuo a ripetere di leggervi i riferimenti normativi che vi ho postato. Spiegano tutto quello che vi sto dicendo.

Marco FL 50 è uguale a 5000 piedi solo e soltanto quando il QNH è 1013. In tutti gli altri casi può essere di più o di meno. Con un QNH di 1002 FL 50 sono circa 4700 piedi s.l.m. Con un QNH di 1024 FL 50 sono circa 5300 s.l.m.
Top
Profilo Invia messaggio privato  
Torodisora
Amico della Montagna
Amico della Montagna


Registrato: 07/04/17 13:24
Messaggi: 19

MessaggioInviato: Mer Mag 03, 2017 10:06 am    Oggetto: Condividi su Facebook Rispondi citando

http://www.vatita.net/download/planning/tl_table_italy.pdf

Eccovii un link di quello che vi dicevo. Buona lettura.


C'è anche la tabella con tutte le altitudine di transizione degli aeroporti italiani e i livelli di transizione.
Top
Profilo Invia messaggio privato  
Torodisora
Amico della Montagna
Amico della Montagna


Registrato: 07/04/17 13:24
Messaggi: 19

MessaggioInviato: Mer Mag 03, 2017 10:15 am    Oggetto: Condividi su Facebook Rispondi citando

@ Marco.
Come ho scritto nei post precedenti, l'aereo volava a 5700 piedi s.l.m. e questa l'unica cosa certa e riscontrabile dai documenti. Poi per la perdita degli ulteriori 280 ( non 580 come sostieni tu nel libro) si apre un ventaglio di IPOTESI ( e non certezze) che non è possibile verificare. La tua, di altimetro rotto, la vedo poco probabile visto che le condizioni meteo suggeriscono altre ipotesi molto più probabili e visto che l'altimetro è stato ritrovato con le lancette libere di ruotare. Se fosse stato ritrovato con le lancette fisse su 6000 piedi ( e con il settaggio 1002 corretto) allora la tua ipotesi sarebbe stata più accreditata. Cosi si può dire tutto e li contrario di tutto.
Top
Profilo Invia messaggio privato  
giampi78
Amico della Montagna
Amico della Montagna


Registrato: 27/01/17 15:54
Messaggi: 16
Residenza: BROCCOSTELLA

MessaggioInviato: Mer Mag 03, 2017 11:16 am    Oggetto: Incidente Serra Alta Condividi su Facebook Rispondi citando

Buongiorno a tutti,

Butto carne sul fuoco, potrebbe essere un'ipotesi non da scartare, è possibile che il valore hPa di 1013.2 sia stao impostato nel momento in cui abbiano virato e iniziato a salire di quota per portarsi in zona mare e riprovare l'avvicinamento a Ciampino? Inosmma pochi istanti prima dell'incidente, anche se, non ricordo bene, ma nelle comunicazioni non viene menzionato nessun cambio di settaggio dell'altimetro.

P.S. Grazie Torodisora per le spiegazioni, e appunti, su alcuni concetti del volo aeromobile. Mi rendo conto che stiamo parlando di procedure, nozione e concetti complessi che assimilare in mezz'ora non sarà mai possibile.
Altra considerazione, per noi che di volo ne mastichiamo davvero poco, si usano dei termini tecnici che ai più possono sembrare simili, ma che in realtà esprimono concetti totalmente differenti. Uno su tutti LIVELLO DI TRANSIZIONE e ALTITUDINE DI TRANSIZIONE facilmente confondibili con la stessa cosa, ma così non è.
Grazie ancora.
Gianpiero
Top
Profilo Invia messaggio privato  
MARCO MONTI
Amico della Montagna
Amico della Montagna


Registrato: 30/10/16 17:33
Messaggi: 28

MessaggioInviato: Mer Mag 03, 2017 12:42 pm    Oggetto: Condividi su Facebook Rispondi citando

ciao luca leggi qua.
si parla di quota minima di settore da parte del controllore di volo.6000 piedi ovvero 1828 metri

per gianpiero: se leggi bene noterai che al comandante Roggero gli viene detto di mantenere 6000 piedi e di essere autorizzato al vor di ostia. quindi l'aereo non e' salito di quota!



13.6a.jpg
 Description:
 Filesize:  207.66 KB
 Viewed:  3715 Time(s)

13.6a.jpg



13.6b.jpg
 Description:
 Filesize:  217.6 KB
 Viewed:  3715 Time(s)

13.6b.jpg



13.6c.jpg
 Description:
 Filesize:  217.91 KB
 Viewed:  3715 Time(s)

13.6c.jpg



13.6d.jpg
 Description:
 Filesize:  221.22 KB
 Viewed:  3715 Time(s)

13.6d.jpg



_________________
MARCO MONTI
Top
Profilo Invia messaggio privato   AIM
Torodisora
Amico della Montagna
Amico della Montagna


Registrato: 07/04/17 13:24
Messaggi: 19

MessaggioInviato: Mer Mag 03, 2017 1:35 pm    Oggetto: Condividi su Facebook Rispondi citando

La minima ALTITUDINE di settore è l'altitudine minima che consente un affrancamento dagli ostacoli in una determinata zona. Il volo era stato autorizzato a tale quota (anche se pensavano che l'aereo si trovasse più vicino a roma dato il riporto del comandante Roggero). Ma 6000 piedi è un ALTITUDINE non un livello di volo. Una minima di settore non può essere mai un livello di volo perchè visto che l altitudine degli ostacoli si riferisce s.l.m. anche la minima di settore deve riferirsi al livello del mare. I livelli di volo si riferiscono alla superficie isobarica che unisce tutti i punti di uguale pressione del valore di 1013. L'altimetro è stato ritrovato settato sulla pressione 1013 che si riferisce ad una superficie che in quel momento era 297 piedi sotto il livello del mare (1013-1002=11 ogni millibar corrispondono circa 27 piedi; 11*27=297 piedi).
Si parla anche di 10000 piedi sempre sul livello del mare per una prova di copertura radio che in quel occasione sarebbe corrisposto livello di volo 103. E quindi affermano che sulla frequenza 120.1 avrebbe dovuto sentire roma a meno di un avaria all apparato di bordo.
Quando si parla di piedi ci si riferisce sempre alla superficie del mare. Quando ci si esprime in livelli di volo sempre ci si riferisce sempre rispetto alla superficie isobarica 1013.
Cmq interessante l'interrogatorio. Addirittura ipotizzano di un eventuale autorizzazione in visual....solo un pazzo lo avrebbe potuto autorizzare con quel tempo...
Top
Profilo Invia messaggio privato  
Torodisora
Amico della Montagna
Amico della Montagna


Registrato: 07/04/17 13:24
Messaggi: 19

MessaggioInviato: Mer Mag 03, 2017 1:43 pm    Oggetto: Condividi su Facebook Rispondi citando

https://it.wikipedia.org/wiki/Altitudine_minima_di_settore

Anche se non è ufficiale puo andar bene per farsi un idea.

Consideriamo che non essendo in contatto radar ( dove la separazione viene gestita dal controllore mediante la visione del volo sullo schermo radar) l'aeromobile volava in procedurale (metodo di separazione basato sui riporti di posizione del pilota). Quindi essendo errata la posizione va da se che l'aereo è sceso su una minima che non era del settore dove volava.
Top
Profilo Invia messaggio privato  
giampi78
Amico della Montagna
Amico della Montagna


Registrato: 27/01/17 15:54
Messaggi: 16
Residenza: BROCCOSTELLA

MessaggioInviato: Mer Mag 03, 2017 2:14 pm    Oggetto: Incidente Serra Alta Condividi su Facebook Rispondi citando

Nota, L'allegato 13.6 e composto da 3 pagine. Infatti l'ultima foto allegata è un doppione della terza.

Vedi Torodisora, quello che sto pensando, IPOTIZZANDO un cambio del valore hPa all'ultimo, è che il comandante abbia, pur non avendo avuto il permesso, deliberatamente sceso di quota un pò per verificare se la visibilità fosse migliore di quella a 6000piedi.

D'altra parte essendo un VALOROSO pilota formato dalla scuola della guerra, avrà innato l'istinto di poter e voler a tutti i costi "vincere" in una situazione difficile.
Ripeto la mia è solo un IPOTESI, che però potrebbe spiegherebbe i 280mt.

Con i mezzi di controllo di allora sarebbe stato possibile verificare l'esattezza della quota tenuta dal DC3, e dichiarata dal comandante?

Grazie. (perdonami se non uso termini corretti)
Top
Profilo Invia messaggio privato  
Torodisora
Amico della Montagna
Amico della Montagna


Registrato: 07/04/17 13:24
Messaggi: 19

MessaggioInviato: Mer Mag 03, 2017 5:13 pm    Oggetto: Re: Incidente Serra Alta Condividi su Facebook Rispondi citando

giampi78 ha scritto:
Nota, L'allegato 13.6 e composto da 3 pagine. Infatti l'ultima foto allegata è un doppione della terza.

Vedi Torodisora, quello che sto pensando, IPOTIZZANDO un cambio del valore hPa all'ultimo, è che il comandante abbia, pur non avendo avuto il permesso, deliberatamente sceso di quota un pò per verificare se la visibilità fosse migliore di quella a 6000piedi.

D'altra parte essendo un VALOROSO pilota formato dalla scuola della guerra, avrà innato l'istinto di poter e voler a tutti i costi "vincere" in una situazione difficile.
Ripeto la mia è solo un IPOTESI, che però potrebbe spiegherebbe i 280mt.

Con i mezzi di controllo di allora sarebbe stato possibile verificare l'esattezza della quota tenuta dal DC3, e dichiarata dal comandante?

Grazie. (perdonami se non uso termini corretti)


280 piedi (FT)

L'ipotesi mi sembra un pò hollywoodiana. Nonostante è pieno il mondo di esaltati li erano svariati minuti che non sapeva dove fossero e non vedevano nulla con il rischio serio di andare a sbattere su una montagna. L'istinto porta i piloti, in queste occasioni, a tirare su l'aereo e non giù ammenochè non fosse un pazzo furioso alla mel gibson in "arma letale". Poi non so il profilo psicologico del comandante ma mi sembra un pò azzardata come ipotesi.
Succede che i piloti cosiddetti della domenica non si attengano alle istruzioni impartite da noi controllori perchè sono poco professionali e non pensano ai danni che possono provocare ma che lo faccia un ex pilota militare nonchè un pilota professionista civile mi sembra difficile. Avrebbe avvertito. Poi mi sembra di ricordare che aveva chiesto ulteriore discesa e che il controllo aveva detto di attendere.

La quota la puoi sapere tramite un radar secondario di sorveglianza e un trasponder a bordo dell'aereo ma non penso che all'epoca fossero utilizzati dai civili. Cmq mi sembra dalla strumentazione riportata nel libro di Marco non mi sembra ci sia il trasponder a bordo. Quindi no non potevano ricavare la quota ma solo la posizione tramite il radar primario di sorveglianza
Top
Profilo Invia messaggio privato  
giampi78
Amico della Montagna
Amico della Montagna


Registrato: 27/01/17 15:54
Messaggi: 16
Residenza: BROCCOSTELLA

MessaggioInviato: Mer Mag 03, 2017 5:36 pm    Oggetto: Incidente Serra Alta Condividi su Facebook Rispondi citando

Sempre molto preciso.

Purtroppo la vicenda, visti i tempi in cui è accaduta, lascerà sempre delle ombre su come andarono fedelmente le cose. A noi non resta che IPOTIZZARE quanto più realmente possibile, sia accaduto in quella occasione, attenendoci ai fatti rilevati e, non alla VULGATA POPOLARE, come direbbe qualcuno.

Ho avuto la possibilità di leggere le conclusioni della commissione di inchiesta, la quale oltre che a sottolineare aspetti del volo "accusava" le autorità competenti di affidarsi ancora a strumentazioni inadeguate (radar ecc. ecc.) per l'assistenza dei voli, in anni in cui cresceva sempre di più l'uso dell'aeromobile.

Torodisora, appena hai voglia e tempo, puoi andare a pagina 3 di questo forum, se non lo hai già fatto, li trovi pubblicati una parte della documentazione e, foto, prodotte dalla commissione di inchiesta. Magari la tua esperienza, conoscenza e spirito critico ti suggerirà qualche elemento interessante di discussione.
Anche se molti di noi non hanno le conoscenze per carpire al volo le tue giuste osservazioni, tecnicamente, ci fara piacere imparare qualche altra cosa.

Grazie.
Gianpiero
Top
Profilo Invia messaggio privato  
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Forum Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a Precedente  1, 2, 3 ... 16, 17, 18, 19  Successivo
Pagina 17 di 19
Vai a Precedente  1, 2, 3 ... 16, 17, 18, 19  Successivo

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi
Non puoi allegare files in questo forum
Puoi scaricare files in questo forum


Powered by phpBB © 2001, 2005 phpBB Group
phpbb.it